IL CAP: quale scelgo?

In questi ultimi decenni il cap si è evoluto e modificato. I nuovi cap sono senz’altro più leggeri e sfoderabili, per far sì che la testa del cavaliere o dell’amazzone non sudi eccessivamente e se ciò dovesse accadere, essi sono completamente  sfoderabili e lavabili.

Esistono aziende, come KEP ITALIA, che personalizzano l’intero cap: dal materiale al colore del cinturino fino all’incisione del proprio nome sul cap.

Altra azienda leader nella produzione dei cap è la JIN STIRRUP: i suoi caschi sono caratterizzati da un’eleganza inconfondibile e sono disponibili in una vasta gamma di colori raffinati. Il sistema di ventilazione li rende estremamente confortevoli anche in climi molto caldi e umidi. Inoltre essi vengono prodotti o fibre composite , vetro e Kevlar, che rendono  il casco un prodotto sicuro e comodo da indossare. L’imbottitura interna è in tessuto e può essere rimossa per il lavaggio.

Indossare un buon cap da equitazione non è solo prerogativa di chi pratica il salto ad ostacoli o il dressage, ma è una norma di buon senso per tutti colore che salgono in groppa a un cavallo. Quale sia la necessità, un confortevole cap da esercitazione o per una galoppata in mezzo alla natura o un modello sportivo pere gare, il casco per l’equitazione ideale svolge al meglio la ua funzione protettiva dell atesta e tanto più è piacevole da portare se calza alla perfezione.

Socializza